SEI IN > VIVERE ALESSANDRIA > CRONACA
articolo

Scoperti 62 lavoratori in nero, era impiegati in una società fantasma

2' di lettura
50

Scoperta dalla Guardia di Finanza di Tortona una complessa frode fiscale e 62 lavoratori irregolari, a seguito di un controllo svolto nei confronti di una società impegnata nel settore del riciclo di materiali plastici, che utilizzava manodopera in somministrazione da parte di una azienda di Roma, risultata però priva di struttura e organizzazione imprenditoriale.

In particolare, tra le due società era stato stipulato un fasullo contratto di “appalto di manodopera e servizi” con il quale la società committente tortonese avrebbe ottenuto un servizio fornito dal personale della società di Roma ma che in realtà si è rivelata essere una vera e propria ‘somministrazione di manodopera’. In buona sostanza, i lavoratori individuati erano, a tutti gli effetti, dipendenti della società tortonese e solo “sulla carta” risultavano essere stati assunti della società appaltatrice di Roma, utilizzata, in pratica, unicamente per sgravare la committente dagli oneri fiscali e previdenziali connessi all’assunzione dei dipendenti, senza poi provvedere al relativo versamento di tali oneri. Secondo le indagini, infatti, la società romana risulta aver omesso il versamento delle ritenute fiscali dovute all’Erario per circa 90.000 euro nel giro di due anni.

A fronte del falso contratto di appalto, la società romana ha emesso svariate fatture false alla società committente tortonese per un ammontare complessivo di oltre 1,5 milioni di euro. Il titolare della società tortonese, unitamente ad altri due soggetti “sodali” è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Alessandria sia per illecita somministrazione di manodopera che per uso di fatture per operazioni inesistenti per oltre 1,5 milioni di euro e, nei suoi confronti, si è proceduto al sequestro di circa 300 mila euro, pari all’imposta evasa a seguito dell’utilizzo delle false fatture.

Si evidenzia che il procedimento penale instaurato verte ancora nella fase delle indagini preliminari e che la responsabilità degli indagati sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna. L’attività delle fiamme gialle tortonesi testimonia il costante impegno contro ogni forma di frode nel settore delle entrate fiscali ed in difesa del lavoro regolare. A seguito dell’intervento dei finanzieri tutti i 62 lavoratori sono stati regolarizzati.



Questo è un articolo pubblicato il 02-05-2024 alle 13:15 sul giornale del 03 maggio 2024 - 50 letture






qrcode